Un nuovo linguaggio nel libro di Vanni ‘IL’ Sano De-Mente’

28 Luglio 2021

Se dovesse autodefinirsi, Lorenzo Vanni userebbe gli aggettivi ‘innovatore’, ‘eclettico’ e ‘creativo’. E in effetti, dopo un percorso virtuoso che negli ultimi anni lo ha visto impegnato in attività imprenditoriali di grande successo, è approdato alla scrittura proprio nel bel mezzo di una  pandemia. Il lockdown, la preoccupazione per il futuro, il senso di precarietà esistenziale, lo hanno messo di fronte ad una nuova sfida con se stesso e lo hanno spinto, in un momento epocale, ad approcciarsi alla realtà con consapevolezza e attenzione, ridefinendo obiettivi e priorità, apprezzando e coltivando emozioni positive.

È nata così l’ispirazione che lo ha portato a scrivere ‘IL’ Sano De-Mente” (in tutte le librerie e book stores dal 21 giugno), la sua opera prima letteraria nella quale, con i sensi, i doppi sensi, i non sensi, delle parole e della punteggiatura, ci fa (intra)vedere com’è possibile condensare diversi pensieri in poche righe e scoprire nuovi significati e una nuova semantica.

‘IL’ Sano De-Mente’ nasce dalla mia curiosità e da una mia diversa capacità di (intel)leggere e interpretare la lingua italiana’ afferma Vanni che, per la prefazione del suo libro, ha voluto il contributo di un suo caro amico e volto noto della tv, Fabrizio Biggio (MTV Mad, I soliti idioti, Stracult), che nella prefazione scrive: ‘Per affrontare la lettura di questo libro bisogna essere disposti a entrare nel mondo di Lorenzo Vanni. Lorenzo infatti è come Neo, il protagonista di Matrix, che vede la realtà secondo un codice che solo lui riesce a decifrare. Osserva il mondo interpretandolo secondo un codice a noi invisibile, forse incomprensibile. Dentro a ogni parola, a ogni frase, Lorenzo vede un messaggio nascosto, un significato alternativo ma contingente. E per renderlo manifesto aggiunge parentesi, puntini di sospensione, gioca con le lettere maiuscole e le minuscole, con gli spazi, creando vere e proprie opere d’arte. Questo è un libro di ‘parolologia’, di ‘letterologia’ ovvero lo studio e la ricerca dei significati nascosti nelle lettere che compongono le parole e quindi le frasi’.

Per Lorenzo Vanni, dovremmo imparare a (intel)leggere bene (anche negli e tra gli spazi …) per avvicinarci (forse) a comprendere la verità. E aggiunge ancora Biggio: ‘Il mio consiglio è quello di non leggere più di una pagina al giorno. Anche non in sequenza, ma aprendo una pagina a caso ogni volta. Perché ogni pagina merita di essere goduta, pensata’. Il volume è impreziosito dall’illustrazione di  copertina realizzata dal vignettista Makkox, e dal contributo audio dell’attore e doppiatore Enzo Garinei (la voce di Dio nella commedia teatrale ‘Aggiungi un posto a tavola’) che è possibile ascoltare tramite QR code. Parte del ricavato della vendita di questo libro, sarà destinata alla realizzazione e al sostegno dei laboratori solidali di scrittura ‘LetterariaMente’.

 

Alessandra Fiori

 

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.