Assurdo all’Ospedale di Crema, visite vietate ai degenti

13 Agosto 2021
Egregio Direttore
Il decreto legge che ha introdotto l’uso del Green Pass prevede che da giovedì 12 agosto le persone vaccinate ed in possesso di certificato verde Covid 19 possano entrare negli ospedali, nelle RSA e nelle strutture protette per far visita al proprio parente ricoverato.
Si tratta di provvedimento importante e lungamente atteso. Infatti una delle conseguenze più pesanti e dolorose della pandemia è stata la privazione di assistenza e di conforto da parte dei propri cari per milioni di persone ricoverate in queste strutture.
Mentre apprendo che l’Ospedale maggiore di Cremona, così come l’Oglio Po, si è immediatamente attivato per rendere operativa tale disposizione, l’Ospedale maggiore di Crema rimane chiuso alla visita ai parenti ricoverati.
Ritengo che questa scelta della Direzione della ASST di Crema sia inaccettabile, non solo perché non rispetta una norma prevista nel decreto suddetto ma, soprattutto, perché manca di rispetto dei diritti del malato, tra i quali vi è quello di poter ricevere visite e conforto dai propri cari.
Invece che rimandare di un mese, e forse più, l’applicazione di tale norma e di tale diritto, la Direzione dell’Ospedale di Crema dovrebbe attivarsi immediatamente per predisporre le misure necessarie ad evitare il protrarsi delle condizioni di isolamento dei ricoverati che, alla luce di questo nuovo contesto normativo, può anche essere percepita come abbandono e tradursi in una ulteriore fonte di sofferenza.
A tal fine, penso che gli organismi di controllo e di indirizzo, tra cui i consiglieri regionali del territorio, l’assemblea distrettuale dei sindaci, il Tribunale per i diritti del malato, dovrebbero intervenire per chiedere che Crema si comporti come gli altri Ospedali citati, che ricadono sotto la stessa ATS.
Franco Bordo
Crema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.