‘Nozze’ con A2A. Seregno, indagata la presidente di AEB.

23 Settembre 2021

Turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione le ipotesi di reato per l’operazione di aggregazione dell’Azienda con A2A, in concorso con altri soggetti non ancora noti. La presidente di Aeb, Loredana Bracchitta, indagata per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Lo riporta la relazione finanziaria semestrale di A2A, socio privato dell’Azienda partecipata dal Comune di Seregno.

Loredana Bracchitta, presidente di Aeb, indagata per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Lo riporta la relazione finanziaria semestrale di A2A, socio privato dell’Azienda partecipata dal Comune di Seregno. L’inchiesta della Procura di Monza riguarda la partnership industriale fra Aeb e A2A e i fatti contestati cominciano nell’ottobre del 2019. La presidente risulta sottoposta a indagine in concorso con altri soggetti non citati. L’indagine della magistratura è condotta dalla Guardia di finanza che, nei mesi scorsi, aveva acquisito della documentazione in Comune e nella sede dell’Azienda. I militari avevano effettuato anche una perquisizione nell’abitazione della presidente.

Il nome di Loredana Bracchitta compare nel procedimento penale n. 1931/2021, nato dopo gli esposti presentati in Procura il 25 novembre 2019 e il 10 febbraio dell’anno successivo dal consigliere di minoranza Tiziano Mariani, capogruppo di Noi per Seregno, promotore anche di un ricorso al Tar della Lombardia. Il Tribunale amministrativo ha bocciato la procedura di aggregazione industriale fra le due aziende multiutility, così come il Consiglio di Stato con una recente sentenza. Secondo la magistratura amministrativa, occorre una gara pubblica per la selezione del socio privato ad opera di un’azienda a controllo pubblico.

Sulla vicenda è intervenuto ieri, con una nota pubblicata in questo sito,  Marco Fumagalli, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, e promotore di un altro ricorso al Tar contro il ‘matrimonio’ fra Aeb e A2A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.