Voltini condannato, il cda: ‘Massima fiducia al presidente’

9 Novembre 2021
Quattro giorni fa Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona e Lombardia, del Consorzio Agrario di Cremona e del Consorzio Casalasco del Pomodoro, era stato condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione mentre la procura della Repubblica aveva chiesto una pena di 3 anni e 8 mesi. La sentenza è stata emessa dal gup del tribunale di Cremona Elisa Mombelli. Voltini era accusato di estorsione aggravata. Nei suoi confronti è stata disposta anche l’interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni e la sospensione da tutte le cariche per la durata di quattro anni e mezzo. Una pena accessoria che scatterà in caso di sentenza definitiva. Oggi il consiglio d’amministrazione del Consorzio Agrario Provinciale di Cremona gli ha rinnovato ‘massima fiducia’ come si legge in una nota diffusa dallo stesso Cap. ‘Una fiducia che non è mai venuta meno’. ‘In attesa di leggere le motivazioni – recita il comunicato – il  cda ritiene incoerente la sentenza con quanto emerso nel processo. Nel rinnovare la massima fiducia nel presidente Voltini e nell’opera di risanamento che sta portando avanti, il Consorzio confida che in appello potrà essere ristabilita la verità dei fatti’. Dunque il cda del Cap contesta a sorpresa l’ operato della magistratura e le conclusioni alle quali è pervenuto il giudice. Ritiene non solo che non sia stata fatta giustizia, ma che la condanna sia incongruente con i fatti emersi durante la fase processuale.
Voltini, processato con il rito abbreviato, in base alla sentenza pronunciata il 5 novembre aveva ‘estorto’ le dimissioni di due dipendenti del Consorzio Agrario, Paolo Ferrari, 63 anni, di Casirate d’Adda, ed Ersilio Colombo, venditore di mezzi agricoli, dimissioni formalizzate in due diverse circostanze tra giugno e luglio 2015. E’ stato condannato a 3 anni e 4 mesi anche l’altro imputato Tullo Soregaroli, collaboratore di Voltini, che doveva rispondere in concorso con il presidente in relazione alle dimissioni ‘estorte’ al solo Colombo. I due pm ne avevano invece chiesto la condanna per entrambi gli episodi. Il giudice ha disposto provvisionali di 20mila euro a ciascuno dei due ex dipendenti.  Colombo aveva chiesto un risarcimento di 350.000 euro e Ferrari di un milione e 127 mila euro. Colombo e Soregaroli, sgraditi a Voltini, in base alla sentenza di primo grado erano stati costretti illegittimamente a firmare le proprie dimissioni. Erano stati violati i diritti relativi all’interruzione del rapporto di lavoro perché non erano state pagate le indennità spettanti ai due.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.