Casale Cremasco, donne in prima linea: festa e premi

28 Novembre 2021

Il teatro dell’oratorio ha ospitato oggi pomeriggio (28 novembre) la manifestazione per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che cadeva il 25 novembre. L’appuntamento, organizzato dalla Consulta Pari Opportunità del Comune, è iniziato poco dopo le 16 e si è concluso alle 18 con un programma diviso in tre parti. La prima, incentrata sull’introduzione e i ringraziamenti di Luigi Ambrosini, presidente della Consulta, e sull’intervento di Donatella Mascheroni, portavoce del gruppo, che ha ricordato le iniziative previste per celebrare questa giornata. Con orgoglio e riconoscenza ha elencato tutte le attività commerciali e di servizio al pubblico di Casale e Vidolasco che hanno aderito all’iniziativa di Rete-Contatto. Per celebrare il 25 novembre è stato indicato di esporre un abito femminile rosso e una didascalia che riportava i nomi delle 98 donne vittime di violenza uccise dall’inizio gennaio al 16 novembre di quest’anno. «Siamo consapevoli – ha sottolineato Donatella Mascheroni – che organizzare eventi in occasione della giornata contro la violenza sulle donne non è sufficiente per arginare il problema e siamo convinte che la prevenzione della violenza sulle donne debba essere attiva ogni giorno dell’anno e per sostenere questo obbiettivo si ripete l’iniziativa dell’aiuola dei tulipani rossi, nei pressi della casa dell’acqua. In continuità con il passato sono stati messi a dimora circa 2000 bulbi che fioriranno a primavera, in genere tra marzo-aprile e vi diamo appuntamento a questo spettacolo. In attesa della fioritura si può riconoscere l’aiuola dei tulipani rossi dalle panchine rosse che sono state installate pochi giorni fa insieme ai cartelli ìNo alla violenza sulle donne’, che riportano i numeri telefonici 1522, nazionale, disponibile 24 ore su 24, e quello locale dell’Associazione donne contro la violenza di Crema 0373/80999 – 339.3506466».

La portavoce ha concluso citando i membri della Consulta: Caterina Arpini, Carla Avogadri, Laura Avogadri, Giuseppina Facchi, Vilma Peletti, Grazia Vagni, Bruna Vailati. Il presidente Ambrosini, che ha coordinato gli interventi, ha invitato sul palco Elena Vailati, presente insieme a Elvira Guerini in rappresentanza dell’Associazione donne contro la violenza di Crema. Vailati ha illustrato l’attività svolta dall’associazione e ha citato alcuni numeri. Nel 2020 sono state accolte 77 donne, tre quarti delle quali italiane. Sono stati rilevati casi di violenza psicologica, fisica e sessuale. Alto anche il numero di stalking.

La seconda parte ha visto l’attrice Chiara Tambani recitare «La forza dell’amore nelle meravigliose figure femminili cantate da Dante». Uno spettacolo dall’intensa forza emotiva, esaltato dalla bravura dell’interprete che è stata applaudita con convinzione dagli spettori. Terminato il recital poetico-teatrale, il presidente Ambrosini ha proceduto alle due premiazioni della donna dell’anno, in quanto causa covid, lo scorso anno la cerimonia era stata rinviata. Sul palco è stato chiamato il sindaco, Antonio Grassi, che ha consegnato la targa con pergamena a Daniela Bisleri, figlia di Elena Dizioli, donna dell’anno 2020. Riconoscimento alla memoria. Presente anche il figlio Franco Bisleri. Poi sono salite sul palco donne dell’Oratorio, proclamate donne dell’anno 2021. Anche a loro sono state consegnate targa e pergamena. A nome di tutte, ha preso la parola Antonietta Benelli che ha ricordato le donne che dalla creazione del gruppo hanno partecipato all’attività. In linea con questo intervento, il sindaco ha chiamato sul palco Alessandra Sangaletti, nipote di Franca Rozza, decana delle donne dell’oratorio. Per lei un mazzo di fiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.