Il giornalista Matteo Berselli stroncato da infarto

7 Febbraio 2022

Si  è sentito male stamattina in casa, appena sveglio, Ha accusato forti dolori al petto. Era stato operato al cuore anni fa perciò la moglie, allarmata, ha subito chiamato i soccorsi.  Nella loro abitazione di San Bassano è giunta un’ambulanza dell’ospedale maggiore di Crema. Le condizioni di Matteo Berselli, 46 anni, sono apparse subito gravissime. Il decesso è avvenuto poco prima del trasferimento a San Donato Milanese che era stato disposto dai sanitari cremaschi. Se n’è andato così Matteo Berselli, da oltre vent’anni giornalista del quotidiano La Provincia. Era corrispondente dalla zona di Castelleone e dal Soresinese.  Scriveva articoli di cronaca, con grande professionalità  e sensibilità. Il rigore col quale trattava tutti gli argomenti, anche i più spinosi,  non era mai disgiunto dall’attenzione e dal rispetto verso le persone. Con altrettanta passione e competenza seguiva anche il calcio e collaborava con la redazione sportiva. La forte carica umana che è stata il suo tratto distintivo nei rapporti interpersonali e di lavoro si era sviluppata anche per le vicende dolorose che avevano colpito la sua famiglia. Dei quattro fratelli è tuttora vivo solo uno, che è sacerdote. Uno è stato stroncato giovanissimo da un tumore e un altro da un’infezione provocata da una trasfusione con sangue infetto quando prestava servizio militare. Oggi anche Matteo se n’è andato. Lascia la moglie Simona Solari e il figlio Raffaele.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.