Unicef: 1,5 milioni di bimbi ucraini fuggiti, una tragedia

20 Marzo 2022

Ucraina: quasi ogni secondo un bambino è diventato rifugiato dall’inizio della guerra.
 Più di 1,5 milioni di bambini sono fuggiti dal Paese.
 In media, ogni giorno in Ucraina, dall’inizio della guerra, più di 75.000 bambini sono diventati rifugiati.
Dichiarazione del portavoce dell’Unicef James Elder sulla situazione dei bambini in Ucraina alla conferenza stampa al Palazzo delle Nazioni a Ginevra.
‘Dal 24 febbraio, diversi bambini sono stati uccisi in Ucraina. Molti di più sono rimasti feriti. E più di 1,5 milioni di bambini sono fuggiti dal Paese. Detto in altro modo, in media ogni giorno in Ucraina dall’inizio della guerra, più di 75.000 bambini sono diventati rifugiati. Ogni giorno. Quest’ultimo numero è particolarmente scioccante: ogni singolo minuto, 55 bambini sono fuggiti dal loro Paese. Vale a dire che quasi ogni secondo dall’inizio della guerra (24 febbraio) un bambino ucraino è diventato un rifugiato. Questa crisi dei rifugiati è, in termini di velocità e portata, senza precedenti dalla seconda guerra mondiale, e non mostra segnali di rallentamento. Come tutti i bambini costretti a fuggire dalle loro case dalla guerra e dai conflitti, i bambini ucraini che arrivano nei Paesi vicini sono a rischio di separazione familiare, violenza, sfruttamento sessuale e tratta. Hanno un disperato bisogno di sicurezza, stabilità e servizi di protezione dell’infanzia, specialmente quelli che non sono accompagnati o sono stati separati dalle loro famiglie. Il modo più sicuro e veloce per uscire da questa catastrofe – anzi, l’unico modo per uscire da questa catastrofe – è che questa guerra finisca, e finisca adesso. Fino ad allora, gli attacchi nelle aree civili e sulle infrastrutture civili devono cessare. Devono cessare perché stanno causando delle perdite di vite umane. Devono cessare perché costringono le persone a rinunciare a servizi sanitari essenziali nonostante i bisogni incalcolabili. Devono cessare perché stanno facendo perdere la scuola ai bambini. Devono cessare perché milioni di bambini sono ancora nelle zone di conflitto in Ucraina. Ho appena trascorso due settimane a Leopoli, nell’Ucraina occidentale, parlando con alcune delle madri, dei padri e dei bambini che sono fuggiti per salvare le loro vite, e alcuni degli operatori in prima linea che cercano di aiutarli. Quando ho chiesto ai pediatri di Leopoli – che avevano ricevuto 60 bambini dagli ospedali di Kiev durante la notte – come si stessero preparando, mi hanno spiegato la loro procedura per stabilire le priorità: se un gran numero di bambini arriva con ferite di guerra, i medici usano adesivi per stabilire le priorità di trattamento. Adesivo verde: lasciare il bambino per ora; giallo: il bambino ha bisogno subito di assistenza medica; rosso: il bambino è in condizioni critiche; adesivo nero: non
saranno in grado di salvare il bambino. L’Unicef continua ad avere un team sul campo in Ucraina e ad inviare aiuti essenziali. Durante il
fine settimana, è arrivato un altro convoglio in Ucraina. Questa volta 22 camion con 168 tonnellate di aiuti, tra cui kit di ostetricia, chirurgici, ostetrici, concentratori di ossigeno, celle frigorifere, così come coperte e vestiti invernali, kit per l’acqua e i servizi igienico-sanitari, dignity
kit; kit per la formazione della prima infanzia e kit per adolescenti. Nel frattempo, i team mobili di protezione dell’infanzia sono stati ampliati da 9 a 47 per aumentare la protezione e i servizi psicosociali per i bambini in tutta l’Ucraina. Il nostro sostegno si estende naturalmente oltre i confini, ad alcuni di quei 1,5 milioni di bambini rifugiati. Stiamo allestendo sempre più spazi sicuri – in collaborazione con i partner
umanitari e le autorità locali – per fornire servizi cruciali di supporto e protezione ai bambini e alle famiglie. Abbiamo diffuso messaggi sulla sicurezza e sui minorenni non accompagnati dai chat bot in Ucraina su Facebook; abbiamo consegnato prodotti per l’igiene nei centri per i rifugiati. Ma dobbiamo essere chiari: nonostante gli sforzi instancabili, da quelli delle nonne volontarie ai governi, dagli scout alle agenzie delle Nazioni Unite, finché questa guerra continuerà, la situazione per i bambini dell’Ucraina non potrà che peggiorare’.

Una risposta

  1. non ci può essere perdono per chi ha causato tutto questo, ovvero lo zar di Russia, Grazie per tutto quello che state facendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.