Saper fare liutario, contributi. FdI: ‘Come li spendete?

30 Marzo 2022

‘In seguito al contributo ricevuto dal Comune per il progetto ‘capacity building saper far liutario’ di euro 100.000, è stato immediatamente conferito un incarico da euro 25.000,00. Nell’ottica della trasparenza, Fratelli d’Italia monitorerà dove verranno destinati i soldi rimanenti del contributo e come verranno impiegati in relazione anche al periodo di crisi attraversato dai liutai per carenza di eventi e visitatori, acquirenti e musicisti. E’ fondamentale che questo contributo resti a favore dei liutai cremonesi promuovendo a livello nazionale qualsiasi forma di altra agevolazione (ribasso IVA, agevolare percorso bottega-lavoro, contributi straordinari, ecc. ecc. )’. E’ quanto scrivono Marcello Ventura, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale a Cremona e il consigliere Beppe Arena in una interrogazione al sindaco e alla giunta.

I due esponenti politici ricordano che nel 2012 la giunta Perri ottenne un prestigioso riconoscimento culturale dall’Unesco: la registrazione del saper fare liutario nel patrimonio immateriale dell’umanità. Nel 2018 l’amministrazione ha approvato lo schema dell’atto. Il 14 settembre 2021 il ministero della Cultura ha pubblicato una circolare in cui si definiscono criteri e modalità di erogazione dei fondi destinati alle misure di sostegno per i Comuni inseriti nella lista dell’Unesco- Il 17 dicembre 2021 il ministero ha disposto un contributo per la presentazione del progetto ‘saper fare liutario’. Fatte queste premesse, Ventura e Arena chiedono a sindaco e giunta di spiegare come intendono destinare i soldi ricevuti per la redazione del piano di salvaguardia e se non credono utile attivarsi a livello nazionale per promuovere ogni forma di agevolazione a favore dei liutai cremonesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.