Cremona Pride. CitizenGo: il patrocinio è da revocare

7 Giugno 2022
CitizenGO è una comunità di cittadini attivi che lavora per garantire che la vita umana, la famiglia e le nostre libertà siano rispettate ovunque nel mondo. I membri CitizenGO vivono in ogni nazione del mondo. Il nostro team è sparso in 16 Paesi nei 5 continenti e lavora in 12 lingue. Scopri di più su CitizenGO cliccando qui e segui tutti gli aggiornamenti su Facebook o Twitter. CitizenGo ha fatto propria la questione del manichino raffigurante la Madonna a seno nudo esposta durante il corteo del Cremon Pride che si è tenuto in città lo scorso 4 giugno. CitizenGo invita i cittadini a firmare un appello che di seguito riproduciamo.

 

Uno spettacolo orripilante!

Nella giornata del 4 giugno, durante il gay pride di Cremona, è stato fatto sfilare in processione un manichino camuffato da Vergine Maria, addobbato con borchie, oggetti sadomaso e con i seni scoperti.

Un attacco blasfemo scandaloso, chiaramente rivolto a te e alla fede di tutti i cristiani!

Ma ancora più scandaloso risulta il fatto che il Comune di Cremona ed il suo sindaco, Gianluca Galimberti (che si definisce cristiano!!), hanno sostenuto questo squallido e misero “spettacolo” con il loro patrocinio!

Non possiamo più tollerare questo tipo di manifestazioni in cui è palese l’intento di voler offendere e deridere la fede di milioni di persone in tutta Italia e nel mondo!

FIRMA ORA per dire basta a questi continui attacchi blasfemi 

FATTI SENTIRE! Firma subito la petizione affinché il Comune di Cremona revochi immediatamente il patrocinio al gay pride e manda un messaggio al sindaco Galimberti: pretendiamo le sue pubbliche scuse!

E questa sarebbe una manifestazione contro le discriminazioni? Guarda con i tuoi occhi…

Ecco alcune foto scattate dai passanti (ATTENZIONEse sei molto sensibile, ti prego di non guardare queste foto):

tolleranza degli intolleranti: UNA VERGOGNA!

Proprio durante lo stesso giorno del Pride di Cremona, il 4 giugno, nella chiesa di San Francesco Saverio a Owo (Nigeria), durante la celebrazione della pentecoste 50 cristiani tra uomini, donne e bambini, sono stati barbaramente trucidati a causa della loro fede in Cristo.

Uomini, donne e BAMBINI massacrati perché cristiani fedeli a Cristo e devoti alla Vergine Maria.

Ogni giorno, milioni di cristiani vengono perseguitati, rapiti, abusati e uccisi nel mondo a causa di quella fede che in maniera meschina e senza alcun pudore viene ripetutamente attaccata, derisa e vileggiata durante i gay pride sotto l’egida delle istituzioni.

E il sindaco Galimberti, che si definisce “cristiano cattolico” che fa? 

ASSURDO E INTOLLERABILE!

FATTI SENTIRE: firma affinché il Comune di Cremona rimuova il suo patrocinio dal gay pride e affinché il sindaco Galimberti si scusi IMMEDIATAMENTE!

Ecco quello che ha scritto il sindaco Galimberti in un post sulla sua pagina Facebook:

“Questa manifestazione accende anche nella nostra città un faro su discriminazioni che esistono ancora, dà la possibilità di esprimersi senza attaccare, consente di riaffermare che davvero occorre la pari dignità di tutti i cittadini senza distinzione di sesso, come recita anche la nostra Costituzione.”

FIRMA ORA per dire basta a questi continui attacchi blasfemi finanziati con soldi pubblici!

Grazie di cuore per il tuo aiuto! Solo insieme possiamo farcela.

Matteo Fraioli e tutto il team di CitizenGO

 

P.S: Una volta firmata la petizione, ti chiedo di condividerla su tutti i tuoi social con tutti i tuoi contatti, anche gruppi parrocchiali (Facebook, Instagram, Telegram, Whatsapp) affinché più persone si uniscano alla nostra protesta.

Solo così saremo in grado di triplicare l’impatto della nostra campagna per farci ascoltare. Conto sul tuo aiuto!

Maggiori informazioni:

Madonna con il seno scoperto al Cremona Pride, scatta la polemica: “Profanazione gratuita”
Cremona Pride, il passaggio della Madonna con i seni scoperti [VIDEO]
MADONNA COI SENI NUDI AL CREMONA PRIDE/ Vescovo Napolioni: “Gesti che feriscono”

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.