‘Latte, un alimento sicuro e naturale, ottimo in estate’

30 Giugno 2022

21 giugno solstizio d’estate. È iniziata ufficialmente la stagione estiva e con essa si riaccende il dibattito sulle bevande.  Il latte fresco resta in questo senso, la bevanda di riferimento; tuttavia, talvolta vengono proposte come alternative, altre bevande.

Per comprendere meglio questo delicato tema parliamo con Sebastiano Porretta, docente universitario e presidente di AITA, l’associazione italiana di tecnologia alimentare e membro del comitato scientifico di Fiere Zootecniche Internazionali, l’evento che si svolgerà a Cremona nel prossimo dicembre (Fiere Zootecniche Internazionali – CremonaFiere 1,2,3 dicembre 2022).

Come si spiega tanto interesse per queste bevande, ritenute addirittura più salutari del latte?

“Spesso queste bevande sono promosse come più salutistiche e sostenibili rispetto al latte vaccino. Talvolta tuttavia la comunicazione utilizzata da questi si avvale di dati poco attendibili. Anche per questo in occasione della prossima edizione di Fiere Zootecniche Internazionali riproporremo il convegno Milk.it dedicato al mondo del latte”.

Quali sono questi latti alternativi?

“Innanzitutto è bene fare chiarezza sulle parole. Il termine latte può essere riferito solo al prodotto ottenuto dalla mungitura degli animali, mentre quella che si acquista è una bevanda derivata (ad esempio dalla mandorla, dal cocco, dalla soia o dal riso). Che non può certo competere dal punto di vista nutrizionale con il latte”.

Per quali motivi?

“Il latte è un prodotto assolutamente naturale. Garantisce 3,5 grammi di proteine (ogni 100 grammi) di elevata qualità biologica, come altri importanti microelementi (zinco, magnesio, fosforo) e vitamina B12. Inoltre, è come è noto, fonte di calcio. Quello di vacca contiene 120 milligrammi di calcio ogni 100 grammi; invece, nelle bevande vegetali (ad esempio alla mandorla) questo macro elemento viene aggiunto artificialmente e quindi se ne può mettere quanto se ne vuole! Sul fronte del colesterolo (del quale il latte è spesso “accusato” di essere un portatore), invece, va precisato che ovviamente il latte è un prodotto di origine animale e dunque contiene grassi animali. Molto importante è però la lavorazione: il latte intero contiene 11 milligrammi di colesterolo, quello parzialmente scremato 7, mentre quello scremato ancora meno”.

Il latte, dunque, si conferma come il prodotto più naturale: tuttavia, a volte viene posto sul banco degli imputati, dicendo che in esso potrebbero essere contenuti residui di ormoni o antibiotici. È un rischio concreto?

“Nel latte vaccino non ci sono assolutamente né ormoni né antibiotici. I primi sono vietati nell’Unione Europea, mentre i secondi non possono esserci in quanto il latte proveniente da vacche ammalate a cui vengono somministrati antibiotici non può essere commercializzato. Un sistema come il nostro è fatto di allevatori professionisti continuamente controllati che producono secondo standard rigidissimi di altissima qualità”.

Quindi queste bevande vegetali non sono naturali come il latte?

Queste bevande vegetali sono di fatto un prodotto di alta tecnologia, costruito a partire da vari elementi. Basta guardare gli ingredienti: acqua, zucchero, sale, mandorle, addensanti, emulsionanti, vitamine aggiunte. Si tratta di prodotti diversi dal latte, ottimi e che si possono consumare tranquillamente senza nessun timore. Il latte però….. è il latte!”.
Un concetto che verrà approfondito in occasione delle Fiere Zootecniche Internazionali, programmate a CremonaFiere dal 1 al 3 dicembre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.