Giro d’Italia, Cremona in rosa tira la volata a Bettiol

28 Maggio 2021

E’  tinta d’azzurro la diciottesima tappa del Giro d’Italia partita da Rovereto e vinta da Alberto Bettiol che nel tratto finale è stato devastante e ha tagliato per primo il traguardo a Stradella. Dietro di lui si sono piazzati Consonni e Roche. Lontano il gruppo che è arrivato con oltre 20 minuti di ritardo. Ecco i nomi dei 23 in fuga quando la corsa entra a Piacenza: Andrea Vendrame (AG2R Citroën), Gianni Vermeersch (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud, Andrii Ponomar, Natnael Tesfatsion (Androni-Sidermec), Samuele Battistella, Gorka Izagirre (Astana-PremierTech), Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè), Simone Consonni (Cofidis), Rémi Cavagna (Deceuninck-QuickStep), Alberto Bettiol (EF-Nippo), Francesco Gavazzi, Samuele Rivi (EOLO-Kometa), Wesley Kreder (Intermarché-Wanty-Gobert), Patrick Bevin (Israel Start-Up Nation), Stefano Oldani (Lotto Soudal), Dario Cataldo (Movistar), Nikias Arndt, Nico Denz, Nicolas Roche (Team DSM), Jacopo Mosca (Trek-Segafredo), Alessandro Covi, Diego Ulissi (UAE Team Emirates).

Negli ultimi 2 chilometri, Bettiol è lanciato verso la vittoria, il suo vantaggio su Roche e Ulissi è di 18”.

Il primo traguardo volante, quello di Cremona, è posto al chilometro 134. Il gruppo è a 11 minuti. Per la prima volta in questo Giro il caldo la fa da padrone e alcuni corridori ne potrebbero risentire. Anche perché quella di oggi con i suoi 231 chilometri è la tappa più lunga della Corsa Rosa. Il passaggio in piazza del Comune è stato spettacolare, come sempre quando il Giro transita per la piazza più bella d’Italia, tinta di rosa, affollata e festante.

In precedenza i 23 fuggitivi avevano portato a oltre 10′ il proprio vantaggio dal gruppo, costantemente guidato dalla Ineos. Al traguardo mancavano 115 chilometri, ma la corsa si accenderà negli ultimi 30. Fra i 23 fuggitivi il più vicino a Bernal nella classifica generale è Gorka (lontano oltre 57′). In testa al gruppo, a guidarlo, sono come sempre Ganna e Puccio della Ineos.

Alle 12,57 il gruppo, con Sagan e Viviani che fanno da sceriffi, aveva deciso di lasciar andare via la fuga di 23 battistrada, quando erano stati percorsi 60 chilometri. Il ritardo era oltre i 2′.

La diciottesima tappa è stata la più appassionante del Giro e Cremona ha fatto da splendida cornice allo spettacolo delle due ruote in gara sulle strade d’Italia, come documentano le foto scattate da Mino Boiocchi al traguardo volante di Cremona.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.