Zanzare, polveri, nubifragi e ora il Cesio: chi ferma il Progresso?

16 Maggio 2024

L’invasione di zanzare è già in atto, così come quella delle mosche mentre per le cavallette ci stiamo attrezzando. Purtroppo di rane ne sono rimaste poche, magari perché l’acqua si sta tramutando in bitume e l’aria si sta oscurando a causa di una grande varietà di  polveri  (leggere, sottili, medie e pesanti). Alla rivisitazione in senso contemporaneo delle mitiche piaghe d’Egitto quest’anno bisestile ha fatto riscoprire la bellezza dei nubifragi e dei campi allagati. No, il Cesio137 non era ancora conosciuto ai tempi delle Piramidi, però chi può fermare il Progresso?

 

OCTOPUS

4 Responses

  1. Schierati compatti anche (quasi) tutti i candidati alla carica di Sindaco del Capoluogo nella più esaltante caratteristica cremonese: stumm schiss.

  2. Al di la’ della battuta, questo non è progresso in senso assoluto.
    È una decadenza inesorabile, nel silenzio delle coscienze

    1. Il dato è che qui si muore davvero di inquinamento tanto che abbiamo il primato EU per morti precoci da particolato e da tumori. E non è un destino ma la conseguenza di precise politiche ammazza-ambiente che destra e sinistra hanno sposato e continuano a riproporre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *